PASSEGGIATE TRA LE FONTANE

PASSEGGIATE TRA LE FONTANE

Il poeta inglese Shelley diceva “Bastano le fontane per giustificare un viaggio a Roma”

L’acqua e le fontane fanno parte del patrimonio artistico e culturale della città: dagli antichi romani in poi, sono diversi gli uomini di potere che hanno scelto questo elemento d’arredo urbano per tramandare il proprio nome ad eterna memoria.

La nostra passeggiata inizia dalla Fontana delle Naiadi, in Piazza della Repubblica. Potete approfittare della vicinanza per visitare le Terme di Diocleziano e per fare un po’ di shopping in via Nazionale.

Una fermata di metro e si arriva in piazza Barberini, al centro della quale si erge l’inconfondibile firma di Gian Lorenzo Bernini, la Fontana del Tritone. Roma è l’unica città al mondo che possiede circa duemila fontanelle realizzate esclusivamente per il “dissetamento” pubblico. Nel gergo popolare sono familiarmente chiamate nasoni per le loro forme: semplici fontane in ghisa che incontrano da sempre il favore dei romani e dei turisti, rappresentando un’oasi gratuita di ristoro sempre aperta!

Da piazza Barberini, prendiamo via Sistina per arrivare fino a Trinità dei Monti. Ai piedi della scalinata potrete ammirare la fontana di Pietro Bernini, la Barcaccia. Siete nel cuore delle vie dello shopping: avete a disposizione via Condotti, via Frattina e tante altre viuzze dove abbondano le griffe più in della moda.

Approfittatene per ritagliare un po’ di tempo da dedicare agli acquisti. Se arrivate in via del Babuino, potete scovare una fontana assai curiosa: quella del Babuino.

Tornando verso via del Tritone, è d’obbligo una tappa alla fontana che il film “La dolce vita” ha consegnato ad una pecie di eterno immaginario collettivo: Fontana di Trevi.

Quindici minuti a piedi in direzione del Ghetto per andare a scovare una deliziosa fontana in stile fiorentino, la Fontana delle Tartarughe in piazza Mattei.

La sua immagine si offre improvvisamente alla sguardo, accedendo da una delle altrettanto preziose stradine che vi confluiscono, delimitate dai bei palazzi del ‘500 e del ‘600. Quattro efebi ben modellati che spingono verso la vasca più in alto delle tartarughe per far loro bere l’acqua fresca raccolta dal sommerso zampillo. Un vero gioiello!

Una volta in piazza Mattei, scelta diverse volte in passato come set cinematografico naturale, approfittate per fare una passeggiata nel Ghetto e assaggiare i piatti della tradizione ebraica in uno dei tanti locali. Poche centinaia di metri e arrivate alla fontana dei Tritoni. Basta attraversare la strada per trovarsi alla Bocca della Verità: perché perdersi l’emozione di introdurci la mano facendo il verso dalla celebre scena del film “Vacanze Romane”?

Siamo ormai arrivati a ridosso del Lungotevere. Riprendiamo, perciò, il nostro itinerario alla volta di Piazza Navona. E’ in questa piazza barocca che potrete ammirare la Fontana dei Fiumi del Bernini.

Se siete in orario da aperitivo ricordate che, appena alle spalle di piazza Navona, via della Pace, piazza del Fico e via del Governo vecchio sono animate, dal pomeriggio fino a tarda notte, da una folla di persone che rende il quartiere uno dei più vivaci della città. Per mangiare o bere c’è solo l’imbarazzo della scelta!

La nostra passeggiata ci porta, infine, oltre il fiume. Una volta arrivati a Trastevere si può salire fino al Fontanone del Gianicolo.

http://www.turismoroma.it/itinerari-a-tema/passeggiate-tra-le-fontane